Trakti Smart "Legal" Contracts Blog

Resilienza della catena di approvvigionamento di fronte a una pandemia globale

on October 7, 2022

La pandemia del COVID-19 ha avuto un effetto drammatico sul commercio globale, ha sconvolto industrie, economie e catene di approvvigionamento. I periodi di blocco prolungati hanno causato uno shock alla domanda e all’offerta.

Governi, aziende
e singoli consumatori hanno lottato per procurarsi prodotti e materiali di base. La maggior parte di loro si sono ritrovati inoltre costretti a confrontarsi con la fragilità della moderna catena di approvvigionamento, per ottenere una migliore resilienza della stessa.

Ora, mentre la pandemia viene lentamente messa sotto controllo, le aziende devono riorganizzare le proprie catene di approvvigionamento. Secondo recenti rapporti, le imprese dovrebbero stabilire nuovi backstop e riserve di inventario, per far fronte all’incertezza economica globale. Ora più che mai si rivela urgente progettare catene di approvvigionamento che siano più intelligenti, più forti e più diversificate. Questa è stata una delle lezioni principali di questa crisi.

Alcune situazioni non cambieranno. I consumatori continueranno a chiedere prezzi bassi (soprattutto durante una recessione). Le aziende non saranno in grado soltanto di addebitare di più perché produrranno in mercati interni a costi più elevati. Oltre alla concorrenza, sarà inesorabile anche una certa pressione ad operare in modo efficiente e utilizzare il capitale e la capacità manifatturiera in modo frugale.

Raggiungere una migliore resilienza della catena di approvvigionamento, senza indebolire la loro competitività, metterà alla prova le aziende. Per fare ciò, i manager dovrebbero prima comprendere le loro vulnerabilità e quindi considerare una serie di passaggi, utili per migliorare. Alcuni di questi avrebbero dovuto impiegare molto tempo, ancor prima dell’inizio della pandemia.

Uno degli aspetti principali della resilienza della catena di approvvigionamento consiste nel disporre di più opzioni. L’approvvigionamento e la digitalizzazione diversificati sono quindi fondamentali per costruire una catena di approvvigionamento più forte e intelligente e per garantire una ripresa che sia duratura.

Anche i fornitori di servizi di trasporto e di magazzino dovranno adeguare le proprie procedure operative. Dovranno investire in tecnologia e incrementarne l’adozione per migliorare l’efficienza e per supportare l’incremento della domanda di acquisti online. Alcune aziende stanno già guardando alla tecnologia blockchain e agli smart contract come una modalità in grado di far evolvere la funzione di pianificazione della loro catena di approvvigionamento.

Una volta che le economie si riprenderanno, la catena di approvvigionamento sta riposizionando la propria organizzazione per favorire la sua crescita!

Sono tre le aree d’interesse chiave:

  • Evolvere il digitale per sbloccare i dati;
  • Ripensare il modello operativo;
  • Costruire una rete di asset-light.

La natura sicura e immutabile delle blockchain rende questa tecnologia adatta alla gestione a monte delle interruzioni dell’approvvigionamento. Possono supportare fornitori di livello 1 e di livello 2, riequilibrando le decisioni di approvvigionamento a breve termine, alla luce dei vincoli della rete di fornitura.

Attraverso l’innovazione, le aziende dispongono di più tempo per focalizzare la propria attenzione alla sicurezza della base di approvvigionamento a medio termine. Possono sbloccare fondi in modo intelligente e costruire la resilienza della catena di approvvigionamento a lungo termine. La tecnologia blockchain ha suscitato l’attenzione sia dei professionisti che degli accademici, non solo a causa del valore in aumento del bitcoin ma anche per la stessa frenesia per la criptovaluta.

“Le sue qualità intrinseche relative a maggiore fiducia, trasparenza, collaborazione sui dati, centralità del cliente e scalabilità, rendono la tecnologia blockchain ideale per la catena di approvvigionamento.
L’opportunità è quella di mitigare i rischi associati agli interventi degli intermediari, ridurre l’hacking e migliorare la trasparenza.
Blockchain e smart contract possono aiutare le catene di approvvigionamento a essere meno vulnerabili alle turbolenze operative e politiche, implementare la conformità operativa e normativa, in base alla progettazione e ad evitare controversie contrattuali.”


Luigi Telesca, Trakti CEO


Le organizzazioni che sfruttano la tecnologia blockchain per migliorare la resilienza della catena di approvvigionamento in tempi di maggiori rischi e incertezza, possono aggiornare le proprie strategie di gestione del rischio, per garantire decisioni di approvvigionamento che siano mirate.

Seguici su Linkedin e iscriviti alla nostra Newsletter per essere aggiornato su altri argomenti interessanti!

Sarah GiannelliResilienza della catena di approvvigionamento di fronte a una pandemia globale